L’estate è finita. Bella scoperta del cazzo, direte voi. C’è però una funzione nascosta di questo blog di cui non ho mai parlato: mettere in piazza i miei pensieri per auto-redarguirmi, allo scopo di tornare sulla retta via. Come al solito mi rimprovero perché non smetto di essere attratto magneticamente dal cazzeggio, in tutte le sue forme… Ci mancava solo Facebook. Comunque, dicevamo, l’estate è finita, ormai da più di un mese. E’ tempo di agire, di studiare, di lavorare con impegno, di dormire qualche ora in più la notte. Affinchè io possa riuscirci, l’unica cosa che non dovrà mai mancare è tanta, tanta musica. Non basta mai per coprire il frastuono di questa vita.
A proposito di musica, oggi sono in vena di classici…

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


The Doors – When the music’s over
nella versione live dall’album In Concert.


Questo pezzo fa parte dell’album Strange Days, del 1967. Oggi però ho scelto di mettere qui la versione dal vivo, sia perchè preferisco la voce di Jim Morrison così, gutturale e sfatta dall’alcol alla tenera età di 26/27 anni, sia perchè è davvero un ottimo live, con molta dinamica e ottime performance di tutti i componenti del gruppo.

When the music’s over, turn out the lights
Click per ingrandire

Ultimamente ho la fissa x i programmi di fotoritocco. (Altro cazzeggio…) Questa è fatta con GIMP, un’ottima alternativa free alle soluzioni proprietarie. Le immagini originali le trovate qui e qui.